Crea sito

Il Fatto Quotidiano e Disqus

Il Fatto Quotidiano rinuncia alla piattaforma di commenti Disqus per passare a un suo sistema interno.

Il Fatto on line ospita senza ombra di dubbio il più vivace, conosciuto e frequentato forum della rete in Italia. E’ stato anche uno dei primi, se non il primo sito web di notorietà nazionale ad adottare il sistema Disqus, contribuendo a farlo conoscere e a diffonderlo su moltissimi blog, noti, meno noti, amatoriali.

Il perchè di questa decisione, ufficialmente non la conosco, non so che cosa abbiano dichiarato gli amministratori del Fatto, non seguo più quel sito da parecchio. Posso fare delle congetture. Una possibile chiave di lettura è legata ai banner pubblicitari. I siti che ospitano inserti pubblicitari, aumentano i propri introiti quanti più clic ricevono. La possibilità di rilasciare e leggere commenti aumenta di parecchio il volume dei clic ricevuti, e di conseguenza gli introiti del sito. Però Disqus ha una particolarità: senza recarsi direttamente sul sito, si possono leggere e commentare gli articoli da Disqus stesso, quindi niente clic al Fatto. Anche Disqus ha i suoi banner pubblicitari (ma solo se installato su un blog che ha attivato esso stesso gli spot pubblicitari. Un blog come questo, senza banner, non consente a Disqus di avere suoi banner legati ai commenti rilasciati su Calcydros), i cui introiti vanno a Disqus anche se i commenti sono rilasciati sul Fatto. Possiamo dire che Disqus sfrutta il traffico di commenti e la notorietà del Fatto per aumentare i propri introiti.

Un’ altra chiave di lettura può essere che i commenti rilasciasti con Disqus non risiedono nei server del Fatto o di qualsiasi altro blog che abbia adottato il sistema, ma risiedono nei server di Disqus. In pratica il Fatto non è fisicamente proprietario dei commenti rilasciati sul Fatto stesso.

Disqus è anche un sistema che un amministratore di un blog non può modificare a suo piacimento, se non nei limiti previsti da Disqus stesso. Non può eliminare upvote e downvote, non può vedere chi rilascia i downvote, non può fare nulla per impedire a determinati soggetti di rilasciare upvote, magari anche non nomignoli offensivi. Qualsiasi cambiamento i responsabili di Disqus decidano di adottare, devono essere in pratica subiti dagli amministratori di blog, senza poter in alcun modo intervenire.

Terza ipotesi è questa: il Fatto non ha alcun bisogno della notorietà e visibilità offerta da Disqus, è già arcinoto e frequentato. Attraverso Disqus però, è diventato lo strumento per far conoscere altri blog ai suoi utenti, che spesso si dividono tra il Fatto e alcuni altri blog, finendo per trascurare o abbandonare il Fatto. Senza Disqus e con un sistema interno che costringe i suoi frequentatori ad aprirsi un nuovo profilo valido solo ed eslcusivamente per il Fatto, Gomez e soci vogliono tenere stretti a sè i commentatori impedendo il più possibile di “distrarsi” verso altri blog e, soprattutto essere il veicolo pubblicitario di blog spesso e volentieri ostili al Fatto stesso.

La domanda da porsi è: con questo sistema gli utenti del Fatto diminuiranno o resteranno sempre e comunque numerosi ma molto più legati al Fatto stesso e diserteranno gli altri blog?

Sarà una cosa positiva per piccoli blog come il nostro oppure ci impedirà d farci conoscere da altri utenti?

 

About the author

Related

  • monrefuge

    Posso dire che di ciò che fa il fq non me ne può fregare di meno?

  • oly64

    Se avevo una mezza idea di passare a dare un’occhiate e magari a lasciare due commenti, ora me la sono tolta del tutto. 🙂

    • Alessia la Kazara atea

      “Vieni che ti banno…” beh assomiglia a qualcuno di noto!

      • oly64

        Ah si? Meno male, spesso nei blog mi sento un emarginato… 😀

        • Alessia la Kazara atea

          Di chi senti la mancanza?

          • oly64

            Era un’iperbole, un’esagerazione. Non sento la mancanza di nessuno in particolare, cara Alessia, solo che i blog, soprattutto se mediatici, sociali e politici, sono diventati terreni di guerra, dove molti scaricano le loro frustrazioni. Se non altro qui abbiamo mantenuto motivi di condivisione e
            intrattenimento, per i quali questi strumenti erano nati.

            • Ammazziamoli tutti!
              A proposito, chi dobbiamo ammazzare?

              • oly64

                Saresti un generale perfetto! 😀

  • Peccato che il povero Renzo C. non sia più tra noi….che soddisfazione sarebbe stata per lui ,dopo tutte quelle battaglie!

    • Luca

      Quanto mi manca Renzo, eppure sono già passati 3 anni!
      Come vola il tempo…

      • Eh si, già tre anni….davvero vola il tempo!

  • LesPaul335

    Ho praticamente quasi abbandonato il Forum del Fatto, e con enorme dispiacere. Ho criticato i moderatori per alcune (troppe) rimozioni di articoli che consideravo ingiustificate, sono stato bannato e ho perso i miei commenti optando per un nuovo account ed un nuovo nick, però mi dispiace.
    Mi dispiace perchè nonostante una qualsiasi delle ragioni esposte da kulpe c’era e ci sarà una parte di me che dovrò giocoforza abbandonare.
    Nel nuovo Forum del Fatto non c’è interazione con gli altri profili, non so chi mi abbia risposto o dato il like se non entro nel mio profilo. E nonostante ciò non conosco il mittente dei vari like.
    Insomma, io non so per quale ragione Gomez abbia deciso tutto questo, pensavo fosse per una questione economica, un “fai da te” risulta sempre meno caro di un affitto mensile ma il tutto non giustifica se non in minima parte la decisione presa.
    Calcydros lo conoscevo già, e ho iniziato a frequentarlo devo dire con piacere, ma mi mancano le mie “battaglie” alla fine di oogni articolo del FQ. Pazienza.

    • cristiana_c

      @disqus_IhCUBDAH9Z:disqus Se ricordo bene e per associazione di luoghi, ho conosciuto il Fatto.it nel 2010 (ho vissuto per due anni in una città diversa dalla mia d’origine ed è stato in quel periodo che l’ho scoperto ed ho cominciato a frequentarlo quotidianamente).
      Era diventato il mio riferimento più importante e il riferimento di tante battaglie e speranze, perchè si trattava di giornalisti e di un quotidiano nazionale che finalmente dava voce ad una richiesta di cambiamento partendo dal basso e la stessa piattaforma scelta (disqus) con accesso diretto favoriva il confronto e il consolidarsi del legame tra i lettiori e con il giornale stesso. E si è instaurato nel tempo un forte legame anche affettivo.
      Una esperienza comune a tanti, me ne sono resa conto confrontandomi su argomenti che mi premevano di più dai post di Ballardini o Verbitskji agli articoli di Padellaro o Gomez e tutti gli altri, legami di conoscenza e amicizia seppur virtuali consolidati grazie al luogo di confronto.
      Poi sono cominciati gli schiaffi prima da parte della moderazione (inizialmente se non altro i moderatori intervenivano) e da parte del direttore e nel tempo, è iniziato il distacco devo dire sofferto mio e di tanti che lo scrivevano con dispiacere senza ricevere per altro risposte a domande precise, nonostante la richiesta da parte di Peter Gomez ogni fine anno puntasse proprio sul legame affettivo con il giornale oltrechè sulla condivisione delle battaglie nel chiedere appoggio anche economico.
      In tanti si sono allontanati anche alcuni blogger, ne ricordo uno in particolare docente universitario che scrisse nel commiato un post diretto a Peter Gomez praticamente perfetto: l’ho riletto tante volte sul blog di questo docente, poi con nonchalance nel tempo è stato rimosso.
      Forse ci aspettavamo troppo e un giornale è primaditutto un’impresa, ma è stato come ritrovarsi in una cella frigorifera dopo tanta passione e dopo averci piantato le radici e averci creduto.
      Oggi non me ne frega più niente, può chiudere i battenti anche domani anche se Peter Gomez ospite in qualche talk resta, per me, una garanzia.

      E’ che @LesPaul335 ho sbirciato il tuo profilo ed ho ritrovato un tuo follower/following con il quale ho sempre condiviso battaglie su argomenti che mi premevano di più dai diritti umani a Giulio Regeni, una persona che tutt’ora stimo molto e ne condivido le posizioni e mi è venuta per qualche minuto nostalgia…ma è già passata:)

      • LesPaul335

        Capisco ciò che provi.
        Altro che cyber-bullismo, nei Forum e nelle chat in particolare si possono incontrare e conoscere persone meravigliose a migliaia di km di distanza. Tutti ne abbiamo fatto più o meno l’esperienza. E secondo me questa tecnologia porta con sè un germe comportamentale che in futuro germoglierà in nuovi orizzonti di comunicazione.
        Ci vogliono convincere che internet è brutto e cattivo, fatto di denigratori della boldrini, fanatici dell’isis o fascisti di tutte le età. E per questo giustificare tagli, censure, manomissioni forse anche talvolta giustificate ma tranciando di netto idee, proposte, visioni, pensieri.
        Un po’ come si ara un campo di grano maturo. Adesso il forum del FQ è proprio questo, un campo seminato che aveva iniziato a produrre del grano sicuramente non OGM ma 100%biologico su cui una mattina una mietitrice ci è passata sopra,
        Questo non è stato forse ben compreso, sopratutto da chi si assume la prerogativa di voler “controllare il ringhioso popolo del web”.

        • E poi ci sono io, il bruscolino nell’occhio, i lupo nell’ombra, il panzone in mezzo ai vegani, ovvero quello che non dovrebbe esserci, ma c’è. E che ricorda che il mondo è brutto brutto.

          • Si, ci chiamano fascisti razzisti…

    • Io non cambio nick: se mi banni per le mie idee vuol dire che hai paura, e se le mie idee ti fanno paura vuol dire che sei debole e l’unico argomento che ti rimane e la censura del dittatore! E al fatto tremano spesso! Semmai sparisse sarà una perdita per chi odia la democrazia e la libera circolazione delle idee; non mi mancherà!

      • LesPaul335

        Io semplicemente non potevo, risultava che il mio nick era già utilizzato da un altro utente (io).
        Una volta sostenevo il FQ, non fosse altro per il rifiuto di finanziamenti dalla politica e le firme giovani che sono e stanno diventando famose.
        Ma adesso lo considero il meno peggio, in pratica una bocciatura.

      • Si sono fatti furbi, quelli del Fatto, mi ricordo le epiche battaglie con Rommell, fanatico filoucraino, lui diceva che ero un figlio di Putin e io lo insultavo, di volta in volta in russo, lettone, arabo e latino. Poi alla fine mi hanno cancellato tutti i post. Ma a lui no….

        • Ma forse quando ho rinominato la Irina Zafesova, altrettanto leggendaria “giornalista” filo nazifrocio la “Puttanazesova” se la sono presa.

          • Eh forse sì…e forse non avevano tutti i torti…

        • Invece io non sono mai stato bannato…non mi conoscono, combatto CONTRO di loro qui sulle montagne e saranno loro a finire sotto l’ombra di un bel…di un erbaccia! E tutti quelli che passeranno diranno “che schifo d’erbaccia!”. Troppo cattivo? MAI con chi censura le idee!!!

  • Don Rodrigo

    E’ un vero beccato ma non mi importa a me, non amano le istanze di amore puro del mio presidente. Io uscito fuori dal fatto almeno 4 volti e credo che faccia a ame una persona di grandi esperienze nel sapere cosa significa il pensiero unito.

    • Alessia la Kazara atea

      @Stanacloni2 visto chi è arrivato? Cosa ti avevo detto?

      • Don Rodrigo

        Credo che ti mi abia scambiato per qualcun altro. non muore nessuno .

        • Alessia la Kazara atea

          Благодатная Дутерта будет с вами. Он достигнет вас и будет сильно вас любить

          • Don Rodrigo

            Io vorrei sapere con chi sto parlando perchè questa pantomima fatta di minacce sta andando avanti da qualche giorno. Lei credo mi abbia scambiato per qualcun altro. Io non ho mai scritto ne qui ne altrove su disqus e non la conosco. Quindi lei non conosce me. Arrivederci.

  • Sarà un bagno di sangue, ma il vero motivo è quello di risparmiare, già adesso la moderazione costa al Fatto oltre mezzo milione di euro all’anno, e con un sistema proprietario pensano di rendere le cose più semplici. Ma sbagliano e di brutto, adesso dei “birichini” potranno mandare in palla tutto con un bel attacco DDoS…per esempio

    • Mai ho commentato e mai commenterò da chi si arroga il diritto di stabilire se i miei pensieri sono giusti!

  • Tashunka Uitko

    Se non modificano l’impostazione ne perderanno non tanti ma un’enormità.
    Se saranno in grado di cambiare linea ed essere più vicini all’ “impostazione” di Disqus, magari perfezionandone le criticità (che tra l’altro già con il solo accesso diretto eviterebbero nick pericolanti, irridenti altri utenti, volgari o aggressivi anche se attivi solo per rilasciare like provocatori) non subiranno grosse defezioni.
    Quel che è certo è che per come è concepito ora è una “cagata”.